1 Timoteo e Tito. Combattere il buon combattimento

John R. W. Stott

La cultura contemporanea dichiara che la verità oggettiva non esiste, dando autorità finale alle credenze e alle preferenze soggettive. In contrasto con questa relativizzazione, Paolo è inequivocabilmente dedito alla verità.

11,90 €
Tasse incluse
Disponibile

La cultura contemporanea dichiara che la verità oggettiva non esiste, dando autorità finale alle credenze e alle preferenze soggettive. In contrasto con questa relativizzazione, Paolo è inequivocabilmente dedito alla verità. Per questo, nelle lettere pastorali di 1 Timoteo e di Tito, la sua priorità è la cura e la supervisione delle congregazioni locali, affinché il vangelo sia custodito, vissuto e tramandato fedelmente dalla chiesa, in qualità di “colonna e sostegno della verità”. Lo studio approfondito di queste lettere ci consente di esaminare il credo fondamentale del cristianesimo, nonché di proclamarlo e di viverlo nella chiesa, nella famiglia e nel mondo, per combattere “il buon combattimento della fede”, armati con la verità del vangelo.

In questo libro avrai l’opportunità di esaminare la Scrittura con la guida di John Stott, eminente studioso e predicatore, arricchendo il tuo studio analitico con le intuizioni derivanti da anni d’immersione nella Parola di Dio. 

L’AUTORE

John R. W. Stott (1921-2011) è uno degli studiosi della Bibbia più amati del mondo. Già pastore della chiesa All Souls di Londra, nel 2005 è stato inserito dalla rivista Time nell’elenco delle “cento persone più influenti del mondo”. Autore dallo stile incisivo e profondo, i suoi libri sono stati tradotti in decine di lingue, vendendo milioni di copie.

Scheda tecnica

Altezza
21
Larghezza
15
Peso
0.190
Pagine
94
Autore
John R. W. Stott
Collana
Guide allo studio
Tipo pubblicazione
Brossura
ISBN
978-88-97963-27-1

40 altri prodotti della stessa categoria:

Opinioni

Nessuna opinione al momento

Scrivi la tua opinione

1 Timoteo e Tito. Combattere il buon combattimento

La cultura contemporanea dichiara che la verità oggettiva non esiste, dando autorità finale alle credenze e alle preferenze soggettive. In contrasto con questa relativizzazione, Paolo è inequivocabilmente dedito alla verità.

Scrivi la tua opinione