"Perchè, se con la bocca avrai confessato Gesù come Signore e avrai creduto con il cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvato."
Romani 10:9

A tavola come Gesù

Un pasto con GesùNel suo ultimo libro Tim Chester analizza il ruolo, tutto da riscoprire, della convivialità come strumento di comunione e di missione.

Gesù mangiava e beveva. Parte da questa premessa Tim Chester nel suo ultimo libro, Un pasto con Gesù, ora proposto in italiano da BE Edizioni.

Il ruolo della convivialità nell'esperienza terrena del Salvatore non è solo incidentale, fa comprendere l'autore: troppi i riferimenti e gli insegnamenti che ruotano intorno ai pasti, per essere solo frutto di un caso. Secondo Chester lo stare a tavola aveva uno scopo ben preciso nell'impegno spirituale di Cristo, e proprio per questo, rileva, «Gesù passò il suo tempo a mangiare e a bere... egli evangelizzava e discepolava intorno a un tavolo».

Uno spunto che offre all'autore il destro per una riflessione spirituale sul ruolo che, ancora oggi, il pasto comune potrebbe avere per i cristiani: «I pasti - spiega Chester - sono più di una metafora. Essi incarnano la grazia di Dio, dando così forma alla comunità e alla missione», proprio come i pasti di Gesù erano «una finestra sul suo messaggio di grazia e il modo di definire la sua comunità e la sua missione».

Del resto non è un mistero che «il cibo connette. Ci connette con la famiglia. Trasforma gli estranei in amici», e questo rende i pasti “importanti e carichi di significato”, proprio come lo stare a tavola diventa più di una condivisione alimentare e porta a una comunione intima di pensieri, idee, sentimenti.

«Non voglio ridurre la chiesa e la missione a pasti - precisa l'autore -, ma voglio sostenere che i pasti dovrebbero costituire una parte integrale e significativa della nostra vita condivisa». In questo senso divide il suo saggio in sei sezioni nelle quali, basandosi sul Vangelo di Luca, approfondisce i pasti come rappresentazione “della grazia”, “della comunità”, “della speranza”, “della missione”, “della salvezza” e “della promessa”.

Proprio sulla promessa si chiude il volume di Chester, che individua i pasti come «una pregustazione della nuova creazione», ma anche come «un ottimo contesto per invitare i non credenti affinché essi possano incontrarsi con la realtà di Dio che dimora tra di noi... noi annunciamo Cristo nella missione affinché altri ascoltino l’invito e si uniscano al banchetto».

Un invito che trascende dal contesto materiale e si eleva su un piano spirituale finora poco esplorato, ma - a pochi mesi dalla chiusura di un avvenimento mondiale che ha sancito il peso, l'importanza e le prospettive dell'alimentazione - meritevole di una particolare attenzione.

L’AUTORE

Laureato all’University of Wales, Tim Chester è ora co-direttore della Porterbrook Network, una rete globale che fornisce, ai singoli individui e alle chiese intere, la preparazione necessaria per riscoprire la missione.

È anche direttore del Northern Training Institute, che fornisce formazione teologica e missionaria per leader di chiesa. È coautore di Chiesa totale e Famiglia vangelocentrica.

SCHEDA TECNICA

Tim Chester

Un pasto con Gesù

Scoprire la grazia, la comunità e la missione attorno alla tavola

Pagine 154 - euro 12,00

Formato 13,50 x 21

ISBN 978-88-97963-55-4

Prima edizione: Aprile 2016

Se desiderate potete sfogliare una parte del libro Un pasto con Gesù e anche acquistarlo online.

 

Informativa ai sensi dell'art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo elemento o interagendo con questo sito senza modificare le impostazioni del browser acconsenti all'utilizzo di tutti i cookies di cui fa uso il sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la pagina della informativa sui cookies