"Perchè Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinchè chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna."
Giovanni 3:16

Una Gioia Traboccante

Come possiamo vivere da credenti questa gioia traboccante che ci è promessa dal nostro Signore (Giovanni 4:13-14, Salmo 16:11)?

Una delle risposte può essere questa:

 

''Vi è più gioia nel dare che nel ricevere''(Atti 20:35)

 

''Se supplisci ai bisogni dell'affamato e sazi l'afflitto, la tua luce spunterà nelle tenebre e la tua notte oscura sarà come il mezzogiorno; e il Signore ti guiderà sempre, ti sazierà nei luoghi aridi, darà vigore alle tue ossa; sarai come un giardino ben annaffiato, come un sorgente la cui acqua non manca mai''(Isaia 58:10-11)

 

Ecco come J. Campbell White commentà tutto ciò, mostrandoci quanta ricompensa, quanta gioia infinita troviamo nel servire gli altri e dedicare le nostre vite a questo scopo:

''Gli uomini, per la maggior parte, non sono soddisfatti di cio che produce la loro vita. E niente può soddisfare completamente la vita di un cristiano se non viverla secondo il proposito che Cristo ha per il mondo che è venuto a riscattare. Fama, piacere e richezza non sono nulla in confronto alla gioia illimitata e costante di cooperare con Dio per la realizzazione del Suo piano eterno. Uomini che mettono tutto in mano a Cristo ricevono dalla vita le sue più dolci e inestimabili ricompense''*.


*Quando il buio non passa, John Piper, Edizioni Passaggio, 2010

 

Filippo Pini

Citazioni: Che Disastro!

Ecco una grande diapositiva di C.S. Lewis che descrive benissimo la nostra natura!

Noi creati per godere appieno del nostro Signore, invece ridotti a riempiere i nostri cuori con tante, tante cose, che però alla fine mai ci soddisfano!! Che disastro!

 

''Siamo creature superficiali che giocano con l'alcol, il sesso e l'ambizione quando invece ci viene offerta una gioia infinita, come un bambino ignorante che vuole continuare a fare formine di sabbia in un vicolo perché non immagina nemmeno cosa sia la prospettiva di una vacanza al mare. Ci accontentiamo troppo facilmente.''

 

C.S. Lewis

L'onere della Gloria, Edizioni Lindau, 2011

 

Citazioni: Dio è l'oceano!

‘‘Gioire in Dio è l'unico piacere che può soddisfare pienamente l'anima nostra. Andare in cielo per gioire perfettamente in Dio è infinitamente meglio della condizione più piacevole sulla terra. Padri, madri, mariti, mogli, figli e gli amici più cari sono solo ombre: Dio è la sostanza. Tutti questi piaceri temporali sono solo dei raggi: Dio è il sole! Sono solo ruscelli: Dio è l'oceano!’’


Jonathan Edwards

The work of Jonathan Edwards,vol. 2, pag.244

Abbiamo anche noi a che fare con questa Parabola?

«Ascoltate: il seminatore uscì a seminare. Mentre seminava, una parte del seme cadde lungo la strada; e gli uccelli vennero e lo mangiarono. Un'altra cadde in un suolo roccioso dove non aveva molta terra; e subito spuntò, perché non aveva terreno profondo; ma quando il sole si levò, fu bruciata; e, non avendo radice, inaridì. Un'altra cadde fra le spine; le spine crebbero e la soffocarono, ed essa non fece frutto. Altre parti caddero nella buona terra; portarono frutto, che venne su e crebbe, e giunsero a dare il trenta, il sessanta e il cento per uno». Poi disse: «Chi ha orecchi per udire oda».

...Poi disse loro: «Non capite questa parabola? Come comprenderete tutte le altre parabole?

Il seminatore semina la parola. Quelli che sono lungo la strada sono coloro nei quali è seminata la parola; e quando l'hanno udita, subito viene Satana e porta via la parola seminata in loro. E così quelli che ricevono il seme in luoghi rocciosi sono coloro che, quando odono la parola, la ricevono subito con gioia; ma non hanno in sé radice e sono di corta durata; poi, quando vengono tribolazione e persecuzione a causa della parola, sono subito sviati. E altri sono quelli che ricevono il seme tra le spine; cioè coloro che hanno udito la parola; poi gli impegni mondani, l'inganno delle ricchezze, l'avidità delle altre cose, penetrati in loro, soffocano la parola, che così riesce infruttuosa. Quelli poi che hanno ricevuto il seme in buona terra sono coloro che odono la parola e l'accolgono e fruttano il trenta, il sessanta e il cento per uno».

Marco 4:1-20

Ecco la famosissima parabola del seminatore!

Molte persone pensano che qui le parole di Gesù abbiano a che fare solamente con il primo ascolto della parola. Quando le persone ascoltano l'annuncio del Vangelo, i loro cuori danno risposte differenti. Questo è vero, ogni cuore ha risposto e risponde in maniera differente al primo annuncio della Parola. Ma penso anche che questa Parabola abbia tanto da dire anche a chi è già un credente.

Leggi tutto: Abbiamo anche noi a che fare con questa Parabola?

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter
Privacy e Termini di Utilizzo

Condividi Su

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinMixx

▼ Dal Mondo ▼

Vatican Files

Informativa ai sensi dell'art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo elemento o interagendo con questo sito senza modificare le impostazioni del browser acconsenti all'utilizzo di tutti i cookies di cui fa uso il sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la pagina della informativa sui cookies