"O voi tutti che siete assetati, venite alle acque; voi che non avete denaro venite, comprate e mangiate! Venite, comprate senza denaro, senza pagare, vino e latte!"
Isaia 55:1

Gesù Cristo e Budda 1 di 2

buddaHo voluto scrivere questo post considerando l’incredibile diffusione, anche in Italia, del Buddismo, specialmente di quello di matrice tibetana. Questo soprattutto a causa della popolarità del Dalai Lama, una figura che ormai quasi si affianca al Papa della Chiesa Cattolica nel panorama delle religioni di questo mondo. E ne parlo specialmente per informare i Cristiani e le Cristiane che ci leggono, in modo che sappiano dare le risposte giuste a chi cerca di instaurare un paragone tra Cristo e Budda, con il solito spirito ecumenico, qualunquistico, confusionario, nel tentativo di far apparire il Buddismo come una religione, in fondo, seria e densa di verità innegabili.

Il Buddismo affonda le sue radici nell’Induismo, concentrando la propria attenzione sui metodi per uscire dal ciclo di nascite e rinascite a cui tutti gli esseri umani sono soggetti, secondo, appunto, la concezione induistica della vita umana. Secondo Siddharta Gautama, detto il Budda o Illuminato, è il desiderio che fa sì che si sia visceralmente attaccati a questa realtà mondana e che ci tiene legati ad essa, anche dopo la morte, facendoci “rinascere” in un altro corpo, in base alle azioni commesse in vita e che costituiscono il “Karma” o energia che ci tiene in vita e che, appunto, ci fa rinascere. Se però – dice Budda – si estingue del tutto ogni desiderio terreno, compreso soprattutto il desiderio di vivere, allora si entra nel Nirvana o ineffabile stato di completa assenza del desiderio e quindi di ineffabile beatitudine per sempre. Anzi, secondo il Buddismo più filosofico, che sembra essere quello originario, l’ideale del Buddista è semplicemente l’estinzione completa con il definitivo esaurimento del proprio Karma.

Leggi tutto: Gesù Cristo e Budda 1 di 2

Le nostre pubblicazioni del 2012

Ecco le quali sono state le nostre pubblicazioni in questo 2012:

Business per la gloria di Dio. Wayne Grudem

Business jpeg bassaIl business può glorificare Dio?

Normalmente pensiamo che siano l’adorazione, la fede, l’evangelizzazione e altre attività “spirituali” a glorificare Dio, ma il business?

Il business sembra sinonimo di avidità e corruzione, niente che potrebbe imitare un Dio Santo.

Ma Wayne Grudem è convinto che dedicandoci al lavoro e al business glorifichiamo Dio perché emuliamo lo stesso lavoro creativo di Dio.

Questo libro, fondato su principi biblici, è un’attenta guida all’imitazione di Dio nell’interazione con clienti, colleghi, impiegati e altre imprese.

Scopri come la tua attività e la tua vita nel business possano essere dedicate alla gloria di Dio.

Leggi tutto: Le nostre pubblicazioni del 2012

Che cos'è la Bibbia

la bibbiaNon è facile rispondere a questa domanda, nemmeno per noi evangelici. La ragione è che, per la nostra stessa fede noi la consideriamo un’opera “ispirata da Dio” proprio come ha affermato l’Apostolo Paolo in 2 Timoteo 3: 16-17, “ogni scrittura è ispirata da Dio e utile ad insegnare, a riprendere, a correggere, a educare alla giustizia, affinché l’uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona”. Anzi, ciò che Paolo dice qui direttamente dell’Antico Testamento, noi lo applichiamo anche al Nuovo Testamento, che all’epoca dell’Apostolo era in formazione. E’ il nostro “istinto cristiano” a farci credere così: quando leggiamo la Bibbia, noi sentiamola voce di Dio che ci ammaestra, esorta, ammonisce. E questo solo un cristiano può percepirlo, difatti “l’uomo naturale non riceve le cose dello Spirito di Dio, perché gli sono pazzia; e non le può conoscere, perché devono essere giudicate spiritualmente” (1 Corinzi 2:14). Noi credenti però abbiamo “la mente del Signore”, cioè pensiamo come il Signore, nel senso che, seppur gradualmente, acquistiamo la sua mentalità, il suo modo di vedere o considerare, valutare le cose. E quindi, in base a tale mentalità, noi avvertiamo che la Bibbia non è un libro qualsiasi, ma è il canale principale della Rivelazione Divina.

Leggi tutto: Che cos'è la Bibbia

Informativa ai sensi dell'art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo elemento o interagendo con questo sito senza modificare le impostazioni del browser acconsenti all'utilizzo di tutti i cookies di cui fa uso il sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la pagina della informativa sui cookies