"Credi nel Signore Gesù, e sarai salvato"
Atti 16:31

Chi siamo

BE Edizioni è una piccola casa editrice fiorentina. Dal 2010 produciamo libri di ispirazione cristiana con l'obiettivo di diffondere in Italia il pensiero evangelico, valorizzandone la ricchezza per offrire al lettore un'esperienza cristiana che abbiamo trovato stimolante e che, riteniamo, possa dare molto a chi cerca la Verità.

I nostri libri raccontano la nostra idea di fede cristiana: un'idea serena, onesta, attenta alla realtà, capace di dialogare con tutti confrontandosi con rispetto ma senza timori reverenziali.

Il nostro approccio spazia tra la teologia e l'etica quotidiana, perché riteniamo che per un cristiano oggi sia fondamentale approfondire il pensiero biblico e, allo stesso tempo, applicarlo alle molteplici sfide del contesto sociale in cui vive e opera.

A completare la nostra offerta si sono aggiunte nel tempo otto collane specifiche che attingono a proposte italiane o si allargano al panorama internazionale per raccogliere gli stimoli, gli spunti ma anche gli allarmi di un mondo cristiano in continuo fermento.

Il sogno di BE Edizioni diventa realtà, giorno dopo giorno, grazie a una squadra giovane ed entusiasta che contribuisce con passione alla realizzazione dei suoi progetti editoriali, curandone con attenzione ogni aspetto, per offrire al lettore un'esperienza originale e caratterizzata dalla qualità.

BE Edizioni Blog

Evangelizzazione e risveglio. Una passione per l’evangelo e la prossima generazione Ciclo di conferenze con Chris Castaldo e Collin Hansen

 

mappa italiaSe siete interessati alle tematiche dell’evangelizzazione e del risveglio non potete perdervi il ciclo di conferenze Evangelizzazione e risveglio. Una passione per l’evangelo e la prossima generazione che settimana prossima toccherà sei città italiane. Gli oratori saranno Chris Castaldo, direttore del Dipartimento Ministry of Gospel Renewal del Billy Graham Center del Wheaton College (USA) e Collin Hansen, direttore editoriale della Gospel Coalition e, insieme a J. Woodbridge, autore del libro Il risveglio. Una visione degna di Dio, Firenze, BE Edizioni 2011.

Ecco il programma più dettagliato con le città che ospiteranno gli incontri:

Leggi tutto: Evangelizzazione e risveglio. Una passione per l’evangelo e la prossima generazione Ciclo di...

Quanto liberale è la teologia "liberale"?

punto interrogativoNel mio precedente post, ho cercato di chiarire le difficoltà logiche a cui vanno incontro le cosiddette teologie liberali. Per dare vita ad un "campo semantico comune", non basta lo strumento dell'interpretazione nè l'entusiastica accettazione delle più recenti correnti culturali; restano le difficoltà logiche -e non solo logiche- derivanti da punti di partenza, qualcuno direbbe presupposti, manifestamente opposti ed ostili.

Ma allora perchè parlare di teologia liberale? Il termine "liberale" è stato coniato nel 1821 in inglese (liberal, liberalism), per indicare la teoria politico-sociale di John Locke, in contrapposizione a quella di Thomas Hobbes, definita "assolutismo". Stato costituzionale, sistema parlamentare e libertà economica, erano e restano i capisaldi del liberalismo.

Leggi tutto: Quanto liberale è la teologia "liberale"?

Società post-cristiana e teologia liberale

trovamercatini roma stradeUn vecchio detto popolare recita: "Chi si loda, si imbroda". Oggi proverò ad "imbrodarmi"! Nel 1991 pubblicai un libro sull'agonia o sopravvivenza del
Cristianesimo nel villaggio globale, con prefazione di Pietro Bolognesi e
postfazione di Arnaldo Nesti. Partendo dalla rivoluzione culturale operata 
dall'Illuminismo, distinguevo tra Cristianesimo e cristianità: il primo è 
fondamentalmente una "religione dell'annuncio" ed ha come aspirazione annunciare- appunto!- la salvezza di Dio in Cristo agli uomini, la seconda è una variante delle cosiddette "religioni del costume". Queste ultime tendono ad inserire l'individuo -attraverso una serie di riti di passaggio- nella società.

Leggi tutto: Società post-cristiana e teologia liberale

Intervista a Diprose sull’Italia

diproseCaro Rinaldo, te ormai sei in Italia da più di quarant’anni, hai vissuto a Roma, vicino a Napoli, nella provincia di Latina e poi di nuovo a Roma. Inoltre hai viaggiato per tutta l’Italia con la scuola biblica IBEI, predicando in tante comunità, presentando libri e partecipando a tantissimi incontri. Insomma, ti sei fatto una grande esperienza sulla Chiesa italiana. Come potresti definire in poche parole il movimento evangelico italiano?

Non credo che esista un “movimento evangelico italiano”. Si è detto che “gli evangelici italiani sono pochi e ben divisi”. In realtà i vari movimenti di cui si compone il mondo evangelico sono nati in momenti diversi e, quindi, con caratteristiche ben diverse: i Valdesi risalgono alla scelta radicale di Pietro Valdo nel decennio 1170-1180 e hanno vissuto gli anni della riforma protestante; invece gli inizi delle Assemblee dei Fratelli coincisero con il moto risorgimentale e rispecchiano in parte l’idealismo dell’epoca; altri movimenti, come i Battisti dell’UCEBI e i Metodisti sono il frutto dell’opera di missionari mandati in Italia da tali denominazioni; il movimento pentecostale fu introdotto in Italia da italiani emigrati negli Stati Uniti dove avevano conosciuto il vangelo per poi tornare in patria e predicare il vangelo ponendo un’enfasi particolare sull’opera dello Spirito Santo; vari gruppi di chiese evangeliche sono poi nate a opera di missioni indipendenti del periodo del dopo guerra. Quindi definirei “molto vario” il mondo evangelico italiano.

Leggi tutto: Intervista a Diprose sull’Italia

Informativa ai sensi dell'art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo elemento o interagendo con questo sito senza modificare le impostazioni del browser acconsenti all'utilizzo di tutti i cookies di cui fa uso il sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la pagina della informativa sui cookies