"Perchè Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinchè chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna."
Giovanni 3:16

BE Edizioni Blog

Quel tabù chiamato ''omo''

DOiG copertina l200Sam Alberry affronta su basi bibliche uno dei temi più caldi del momento.

Un titolo provocatorio per un tema scottante: omosessualità oggi è spesso un termine tabù per le chiese e per i credenti, abituati a un contesto sociale dove il concetto viene accostato a immagini di trasgressione, rivendicazione, esibizionismo.

Sam Alberry, nel suo libro, si tiene lontano da polemiche e luoghi comuni per ricollocare il tema nel suo giusto alveo, ripartendo dalle basi bibliche e offrendo spunti e suggerimenti per una adeguata applicazione nella realtà personale, comunitaria e sociale.

L' autore rivela una spiccata sensibilità per una problematica affrontata in prima persona e approfondita alla luce della Bibbia nel corso degli anni; lo dimostra subito rivelando la sua preferenza per la definizione “same sex attraction” (“attratto dalle persone dello stesso sesso”) rispetto alla più semplice etichetta di “gay”: una formula che lui stesso riconosce come “arzigogolata”, ma necessaria a segnare una distanza tra l’attrazione (che si riferisce a una situazione interiore) e il comportamento (spesso accompagnato da uno stile di vita improprio).

Alberry espone, capitolo dopo capitolo, il rapporto tra omosessualità e Bibbia, credente, chiesa, società, offrendo con sensibilità e realismo suggerimenti per incoraggiare a uno stile di vita cristiano; inoltre, in apposite schede poste in calce ai capitoli, risponde alle più comuni obiezioni sul tema.

Pubblicato per il pubblico anglosassone nel 2013, Dio odia i gay? ha raggiunto nelle scorse settimane la sua terza ristampa. 

Sam Alberry, già incaricato della cura spirituale degli studenti presso la chiesa di St Ebbe a Oxford, dal 2008 è pastore a Maidenhead, nel Regno Unito. Fa parte dello staff della missione Living Out (livingout.org), rivolta a persone che avvertono attrazione per soggetti dello stesso sesso

SCHEDA TECNICA


Sam Allberry

Dio odia i gay? L’omosessualità, la Bibbia e l’attrazione per le persone dello stesso sesso 

Pagine 100 – 9,00 €

Collana Miscellanea

Formato 11,5x16,8

ISBN 978-88-97963-25-7

Prima edizione: Dicembre 2014

Se desiderate potete sfogliare una parte del libro "Dio odia i gay?"e anche acquistarlo online.

Uomini e donne: simili, diversi, complementari

Quali sono le differenze copertina FRONTE l200La nuova sfida di John Piper: definire in chiave biblica (e senza polemiche) il senso della differenza tra universo maschile e femminile, valorizzando i rispettivi ruoli e la loro complementarietà. 

Il tema della differenza di genere è oggi oggetto di accesi dibattiti in campo culturale, sociale e scientifico, che creano forti ripercussioni nella società. La battaglia per l’uguaglianza e l’omologazione dei ruoli, presentata dagli ambienti più progressisti come passaggio indispensabile verso la felicità, sembra aver preso una piega inaspettata, creando più problemi di quanti ne abbia risolti, e portando a un’indeterminatezza di ruoli, sensibilità e prospettive interiori. E coinvolgendo in questa situazione di incertezza anche chi basa la sua vita sull’insegnamento evangelico.

Sì, perché il cristiano considera la Bibbia come il punto di riferimento ultimo anche su questo argomento; ma che cosa insegna davvero la Parola di Dio su una questione tanto delicata? Sotto quali aspetti uomini e donne sono essenzialmente uguali, e in quale prospettiva devono venire considerati diversi o addirittura complementari? E queste differenze è giusto influenzino i ruoli in casa, nella chiesa e nella società?

Nel suo ultimo saggio Quali sono le differenze? John Piper esamina in maniera sistematica alla luce della Bibbia gli aspetti più significativi e delicati della questione di genere basandosi sulla sua ultratrentennale esperienza di pastore, docente e consulente.

Tenendosi lontano sia dai luoghi comuni delle interpretazioni più tradizionaliste, sia dalle tesi sostenute delle correnti di pensiero più avanzate, Piper non si limita a una esegesi completa e coerente: nel suo saggio si propone di andare oltre, delineando una prospettiva “che soddisfi il cuore oltre che la mente”, convinto che l’unico modo per convincere l’interlocutore sia dimostrare “che qualcosa non è soltanto giusto, ma anche buono. Non è soltanto valido, ma anche di valore; non soltanto corretto, ma anche ammirevole”.

JOHN PIPER è un apprezzato autore di saggi, oltre sessanta, tradotti in tutto il mondo. Fondatore di Desiring God e rettore del Bethlehem College and Seminary di Minneapolis, negli Stati Uniti, ha servito come pastore alla Bethlehem Baptist Church di Minneapolis per oltre trent’anni. Tra le sue opere tradotte in italiano: Vedete e gustate Gesù CristoDio è il vangelo Rifletti – L’attività intellettuale e l’amore per Dio. È sposato con Noël e ha cinque figli.

Quali sono le differenze?, pubblicato nel 2008 e tradotto finora in 2 lingue, viene proposto in italiano da BE edizioni nella collana ‘‘Vita nuova in famiglia’’. 

SCHEDA TECNICA

John Piper

Quali sono le differenze? 

Mascolinità e femminilità definiti secondo la Bibbia

Collana Vita nuova in famiglia

Pagine 76 – 12,00 €

Formato 13,5 x 19,5

ISBN 978-88-97963-29-5

Prima edizione: Novembre 2014

Se desiderate potete sfogliare una parte del libro Quali sono le differenze? e anche acquistarlo online.

 

Galeazzo Caracciolo. Luminoso esempio di coerenza

imagesGaleazzo Caracciolo apparteneva ad un’antica famiglia che ha dato a Napoli e all’Italia personaggi illustri, ecclesiastici, condottieri, uomini di Stato. Il più famoso fu l’ammiraglio Francesco Caracciolo, che, avendo aderito alla Repubblica Napoletana, che si ispirava alla Rivoluzione Francese, nel 1799 fu arrestato dal generale inglese Nelson ed impiccato. Noto è anche il pittore Giovanni Battista Caracciolo, detto il Battistello. Ma di Galeazzo Caracciolo non dice nulla la maggior parte delle enciclopedie – forse per la sua presa di posizione contro la Chiesa Cattolica.

Il padre di Galeazzo, Colantonio Caracciolo, marchese di Vico, era riuscito a dare alla sua famiglia una notevole posizione sia politica che economica. Da sempre filospagnolo, Colantonio era nelle grazie dell’imperatore Carlo V, ed aveva accumulato un ingente patrimonio. Nato nel 1517, Galeazzo, unico figlio maschio del marchese, fu oggetto dei suoi sogni più ambiziosi e delle sue più rosee speranze. Difatti, tanto per cominciare, Galeazzo ebbe un posto nella corte di Carlo V, che lo nominò “gentiluomo della bocca” o “maggiordomo della settimana”, con il compito di servire l’imperatore a mensa, di accompagnarlo in chiesa e nelle altre funzioni religiose. Questo servizio però era intermittente e Galeazzo poteva soggiornare a Napoli anche per lunghi periodi di tempo.

Durante uno di questi periodi di “vacanza”, Galeazzo sposò nel 1537 Vittoria Carafa, figlia di Ottaviano, dei duchi di Nocera. Sebbene il loro fosse un matrimonio “combinato”, i due sposi si amavano davvero ed intensamente. Ebbero ben sei figli, quattro maschi e due femmine, e la loro vita familiare era molto felice.

Intanto, nel napoletano, come in tutta Italia, si andavano sempre più diffondendo idee provenienti dal nord Europa, idee che parlavano della necessità di una radicale riforma della Chiesa e che mettevano in discussione buona parte del Cattolicesimo Romano. Famosa era la cerchia di simpatizzanti della Riforma, il cui capo carismatico era Juan de Valdès.

Leggi tutto: Galeazzo Caracciolo. Luminoso esempio di coerenza

Dalla chiesa alla società, la sfida di Paolo a Timoteo e Tito

1 timoteo e tito copertina FRONTE l200Nuovo volume per le Guide allo studio di John Stott: l'attenzione su I Timoteo e Tito – due lettere pastorali che intrecciano principi dottrinali e prospettiva etica.

La collana delle Guide allo studio ideata da John Stott e proposta in italiano da BE edizioni si arricchisce di un nuovo volume: dopo Romani, Atti e Galati è la volta di un tandem che comprende la Prima lettera a Timoteo e l'Epistola a Tito.

In un unico volume l'autore affronta due lettere pastorali, e non è difficile comprendere il motivo che ha spinto Stott a questa scelta apparentemente poco organica.

Sono sei, rileva Stott, gli argomenti che Paolo affronta nel rivolgersi a Timoteo, tematiche che rivestono ancora oggi una loro attualità. L'apostolo indica a Timoteo in particolare:

• Come proteggere la dottrina inalterata dai falsi insegnamenti.

• Il ruolo dell’adorazione pubblica, insieme ai ruoli di uomini e donne nella sua conduzione.

• I requisiti d’idoneità per i pastori, gli anziani e i diaconi.

• Le istruzioni per le guide locali, specialmente quelle più giovani.

• La responsabilità sociale della chiesa nei confronti di vedove, anziani e schiavi.

• L’atteggiamento della chiesa nei confronti dei beni materiali.

Allo stesso modo nei tre capitoli della lettera a Tito, Paolo focalizza l'attenzione su altrettanti contesti della vita cristiana – la chiesa, la famiglia e il mondo – interconnessi tra loro e accomunati dalla necessità di un approccio coerente da parte del credente nel rapporto tra dottrina e dovere, e nell'equilibrio tra fede e comportamento.

Dalla fede alla quotidianità, dalla chiesa alla società, dai principi dottrinali alla prospettiva etica: due aspetti inscindibili, necessari a ogni cristiano coerente per trovare una direzione certa nel suo percorso di vita.

Come in tutte le Guide allo studio, anche I Timoteo e Tito sono strutturati in modo da incoraggiare lo studio individuale e la discussione di gruppo attraverso sintesi dei capitoli, domande mirate e stimoli all'applicazione pratica dell'insegnamento paolino.

1 Timoteo e Tito è il quarto volume della collana Guide allo studio. Dello stesso autore BE edizioni ha pubblicato: Romani. Incontrando la potenza del vangelo (2012); Atti. Lo Spirito in azione (2013); Galati. Sperimentare la grazia di Cristo (2014) Di prossima pubblicazione: 2 Timoteo. Stare saldi nella verità.

John R. W. Stott (1921-2011) è uno degli studiosi della Bibbia più amati del mondo. Già pastore della chiesa All Souls di Londra, nel 2005 è stato inserito dalla rivista Time nell’elenco delle “cento persone più influenti del mondo”. Autore dallo stile incisivo e profondo, i suoi libri sono stati tradotti in decine di lingue, vendendo milioni di copie.

SCHEDA TECNICA

John Stott

I Timoteo e Tito

Combattere il buon combattimento

Una guida allo studio individuale o di gruppo

Collana: Guide allo studio

Pagine 94 – euro 11,90

Formato 15x21

ISBN 978-88-97963-27-1

Prima edizione: ottobre 2014

Se desiderate potete sfogliare una parte del libro 1 Timoteo e Tito e anche acquistarlo online.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter
Privacy e Termini di Utilizzo

Condividi Su

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinMixx

▼ Dal Mondo ▼

Informativa ai sensi dell'art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo elemento o interagendo con questo sito senza modificare le impostazioni del browser acconsenti all'utilizzo di tutti i cookies di cui fa uso il sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la pagina della informativa sui cookies