"Dio, nostro Salvatore, vuole che tutti gli uomini siano salvati e vengano alla conoscenza della verità. Infatti c'è un solo Dio e anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo, che ha dato sè stesso come prezzo di riscatto per tutti"
Timoteo 2:3

Chi siamo

BE Edizioni è una piccola casa editrice fiorentina. Dal 2010 produciamo libri di ispirazione cristiana con l'obiettivo di diffondere in Italia il pensiero evangelico, valorizzandone la ricchezza per offrire al lettore un'esperienza cristiana che abbiamo trovato stimolante e che, riteniamo, possa dare molto a chi cerca la Verità.

I nostri libri raccontano la nostra idea di fede cristiana: un'idea serena, onesta, attenta alla realtà, capace di dialogare con tutti confrontandosi con rispetto ma senza timori reverenziali.

Il nostro approccio spazia tra la teologia e l'etica quotidiana, perché riteniamo che per un cristiano oggi sia fondamentale approfondire il pensiero biblico e, allo stesso tempo, applicarlo alle molteplici sfide del contesto sociale in cui vive e opera.

A completare la nostra offerta si sono aggiunte nel tempo otto collane specifiche che attingono a proposte italiane o si allargano al panorama internazionale per raccogliere gli stimoli, gli spunti ma anche gli allarmi di un mondo cristiano in continuo fermento.

Il sogno di BE Edizioni diventa realtà, giorno dopo giorno, grazie a una squadra giovane ed entusiasta che contribuisce con passione alla realizzazione dei suoi progetti editoriali, curandone con attenzione ogni aspetto, per offrire al lettore un'esperienza originale e caratterizzata dalla qualità.

BE Edizioni Blog

Quattro motivi per cui gli uomini non leggono i libri (con un suggerimento pratico)

leggereGli uomini in chiesa non leggono molto.

Non ho delle statistiche o degli studi che possano provare questo, ma la mia conclusione deriva dall’esperienza e da una realistica intuizione. Ho recentemente discusso questa conclusione con Albert Mohler e lui ha concordato, “È un’intuizione assolutamente corretta e perspicace”. Questo è già qualcosa.

Naturalmente, non tutti i cristiani maschi stentano nella lettura. Molti fra gli uomini sulle panche sono lettori davvero competenti e questo rende la chiesa più forte.

Leggi tutto: Quattro motivi per cui gli uomini non leggono i libri (con un suggerimento pratico)  

Gesù Cristo e Maometto

maomettoNon potevo concludere questa serie di post su Gesù e le altre religioni senza un riferimento al rapporto tra Gesù Cristo e Maometto, nome italianizzato dall’arabo Mohammed, il fondatore dell’Islam. E questo considerando le migliaia di Musulmani presenti anche in Italia – e che a Roma c’è la più grande moschea d’Europa.

Il rapporto tra Cristo e Maometto è molto più problematico del rapporto tra Cristo e Budda. Infatti il fondatore dell’Islam vedeva in Gesù Cristo un grande Profeta, che l’aveva preceduto per ribadire le verità proprie di quella ch’egli riteneva fosse la religione fondamentale rivelata da Dio, ed adulterata – secondo lui – da Ebrei e Cristiani.

Il Corano, che è la forma italianizzata di Qu’ran o “recitazione ad altra voce”, termine derivante dal Verbo qeryana, è il libro “sacro” dell’Islam o “sottomissione” a Dio, e naturalmente, della religione fondata, appunto, da Maometto. Tale libro è visto dai Musulmani o seguaci dell’Islam come contenente la rivelazione divina al Profeta Maometto, che quindi, dal loro punto di vista, non ha fondato nulla, ma è stato solo lo strumento passivo della rivelazione divina. Ne segue che essi non ritengono che il contenuto del Corano sia dovuto a Maometto, ma piuttosto direttamente a Dio.

Leggi tutto: Gesù Cristo e Maometto

Di che segno sei?

astrologiaForse questa domanda è stata rivolta anche a voi che mi state leggendo, come a tanti altri, oggi più che mai! Il riferimento è ovviamente all'Astrologia.

Anche in questo caso c'è un apparenza ed una realtà. L'apparenza è costituita, prima di tutto, dai discorsi persuasivi di sapienza umana” (1 Corinzi 2:4), con cui gli astrologi e quelli che credono nell'Astrologia, cercano di giustificare la sua validità. Leggiamo, ad esempio, in Astrologia, un'opera di M.A. Barbereschi Fino:

“Viviamo tempi difficili, ma sopratutto paurosi. Mai come in questi ultimi anni abbiamo avuto la sensazione di vivere nella vita come ciechi che cercano il sentiero perduto in una giungla di motori, che vorrebbero essere definiti progresso tecnico, in un safari di bestie feroci, che vorrebbero essere riconosciute come uomini, in un pantano di sabbie mobili in cui irrimediabilmente sprofondano intelligenza, idealismo, spiritualità, moralità, onestà. Mai l'uomo si è sentito tanto indifeso come in questo mondo moderno, così ricco di armi di ogni tipo che possono essere affilate lame di pugnali come la potenza nucleare di una bomba atomica. L'uomo vive, oggi come ieri, in uno spazio cosmico in tui tutto è ispirato all'ordine, tutto è meravigliosamente collegato in rispondenze astrali che si irradiano, si trasmettono e ci raggiungono silenziosamente in una armonia universale che ha gli anni della creazione. Perchè l'uomo non sa guardare attorno a sé, perché non sa vedere, perché non sa comprendere quanto l'Universo gli insegna nella sua silenziosa armonia? Egli non sente il richiamo cosmico di questa armonia ancestrale per correre dietro all'Umanità, che distrugge se stessa con la pretesa di costruire una moderna civiltà. Invano l'uomo cerca pace negli altri uomini: nessuno lo ascolta, abbarbicato com'è al proprio egoismo. Invano l'uomo chiede pace all'Umanità: nessuno è più sordo di chi non vuol sentire ed il fragore dei motori che devono procurare la ricchezza cercata, voluta, non permette di sentire il grande coro di quanti chiedono soltanto pace. L'oro ha ancora per l'uomo di oggi lo stesso fascino che aveva per i cercatori di oro del passato: non cambia e costituisce esso stesso una disarmonia che dissolve paurosamente l'armonia cosmica. Se l'uomo sapesse ascoltare con umiltà la voce delle stelle, se permettesse alle stelle di illuminare la propria vita, se sapesse accettare le divine influenze degli astri, se sapesse apprezzare nle silenzio profondo delle stelle la voce astrale che sa tradursi in veri preziosi consigi di vita!” (M.A. Barbereschi Fino, Astrologia, ed. Raffaele Dimanno, Milano 1991, p.9)

Leggi tutto: Di che segno sei?  

Informativa ai sensi dell'art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo elemento o interagendo con questo sito senza modificare le impostazioni del browser acconsenti all'utilizzo di tutti i cookies di cui fa uso il sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la pagina della informativa sui cookies